confcommercioenna

confcommercioenna

Sicilia ufficialmente in zona gialla, Musumeci festeggia: "Finalmente torniamo a respirare"

Scarica la sintesi delle misure adottate 

  pdf Sintesi Zona Gialla Sicilia (22.32 MB)

Nasce ufficialmente la Confcommercio Imprese per l'Italia Caltanissetta Enna unendo il mondo imprenditoriale dei due territori dell'entroterra siciliano che più di altri ha patito la crisi economica. Ad accelerare il processo di unione tra le due sedi alcune vicissitudini dell'associazione nissena che lo scorso gennaio avevano portato al suo scioglimento. Contestualmente Confcommercio Enna ha iniziato un percorso di modifica statutaria che ha portato all'unione annunciata ieri dal presidente Maurizio Prestifilippo che rappresenterà l'associazione; a fine anno e dopo il rinnovo delle delegazioni comunali e delle organizzazioni di categoria, ci sarà l'assemblea elettiva del nuovo organismo. «È un grande senso di responsabilità quello che consente alle due dirigenze di prefigurare un percorso che consenta alle imprese delle due province un rafforzamento. Non ci immaginiamo nessuna forma di scontro e ci gioveremo di tutte le professionalità costruite negli anni» ha spiegato Maurizio Prestifilippo che fa un'analisi dello stato di salute delle imprese delle due province e delle prospettive di sviluppo. «Sono due province con un territorio che a nostro avviso è tra i più stimolanti, più belli e importanti dell'intera regione. Abbiamo un entroterra con un patrimonio archeologico non indifferente, un patrimonio naturalistico imponente e soprattutto città d'arte straordinarie, basti pensare ad Confcommercio ora è interprovinciale «I fondi in arrivo da sfruttare bene» Agira, Enna, Piazza Armerina, Gela o Caltanissetta» dice il presidente di Confcommercio Caltanissetta-Enna che cita il settore turistico per evidenziare che «superata la crisi Covid, se saranno fatte le giuste scelte dal governo regionale, queste due province finiranno d'essere le ultime per reddito pro capite e cominceranno ad avere una nuova vita ed una nuova esistenza» e lo ritiene prioritario «per evitare che queste due province finiscano con l'essere una palla al piede dello sviluppo complessivo dell'economia siciliana e lo dobbiamo fare se la classe politica sarà all'altezza del compito». Sui tavoli istituzionali sono allo studio misure di incentivi economici, come si porrà Confcommercio su questo fronte? «Staremo molto attenti che tutte le risorse previste nel Piano nazionale di ripresa e resilienza comprendano misure che possano mettere le nostre aziende in condizione di competere. Abbiamo detto che le imprese delle zone interne subivano una pressione forte dalle zone costiere, saranno quindi necessari dei meccanismi per le imprese che lavorano nelle zone più interne» e, ritiene convinto Prestifilippo, «se sarà fatto ci saranno buoni risultati, ma per la prima volta dobbiamo essere attenti affinchè i fondi siano usati per creare produttività e lavoro, se dovessero servire a incentivare corruzione non avremo nessuna possibilità».

W. S.

La Sicilia deve fare i conti con la crisi delle imprese Attività produttive sul filo del rasoio 40 mila aziende rischiano di fallire Il presidente di Confcommercio al quinto giorno di sciopero della fame

PALERMO

La Sicilia spera nel "giallo" a partire dal 16 maggio per effetto anche della revisione dei due indicatori principali con i quali finora il governo ha assegnato i colori: l'Rt ospedaliero e l'incidenza dei casi di infezione da Covid. 11 nuovo modello sarà esaminato oggi nell'incontro tra governo e Regioni dopo Le valutazioni fatte dall'Istituto superiore della Sanità (Iss) e dai tecnici delle Regioni. Il passaggio in zona ad alto rischio avverrebbe se il livello di occupazione di area medica ospedaliera e area intensiva arrivasse rispettivamente al 30% e al 2076 (ora a140 e al 30). Tre le fasce di incidenza: quella a maggior rischio sarebbe fissata a partire da 150 casi su 100mila persone. Nell'isola il bollettino di ieri indicava 894 nuovi positivi al Covid, su 27.362 tamponi processati, con una incidenza del 3,3%, in leggero aumento rispetto a due giorni fa. La Regione era seconda per numero di contagi giornalieri dietro la Campania. Le vittime sono state 26 e portano il totale a 5.592.11 numero degli attuali positivi è di 22.162 con una riduzione di 68 casi. I guariti sono 936. Negli ospedali i ricoverati sono 1.092,ventisette in meno, quelli nelle terapie intensive sono 133, due in più. La distribuzione tra le province vede Palermo con 131 nuovi casi, Catania 392, Messina 88, Siracusa 17, Trapani 57, Ragusa 62, Caltanissetta 47, Agrigento 86, Enna 14. E mentre esplode la polemica sulle 50 mila dosi di AstraZeneca in scadenza e che la Sicilia ha deciso di inviare in Puglia, col Pd che in Assemblea siciliana ha chiesto chiarimenti al governatore Nello Musumeci, prosegue spedita l'operazione "isole Covid free". Sul fronte imprese, si registra il grido d'aiuto lanciato dal presidente di Confcommercio Sicilia, Gianluca Manenti (al quinto giorno di sciopero della fame), sentito in commissione Attività produttive all'Ars. «Non riusciamo ad essere ottimisti. Moltissime aziende, oltre 40 mila, rischiano la chiusura in Sicilia. Si stima la perdita di almeno 30 miliardi di fatturato e di circa 30 mila unità lavorative. Se non si interviene immediatamente, sarà una catastrofe senza precedenti>, ha avvertito. Alla presenza dell'assessore regionale Minimo Turano, Manenti ha ribadito che «occorre potenziare la misura straordinaria di liquidità gestita dall' Irfis, anche in termini di celerità istruttoria con tempi di deliberazione certi. È indispensabile agevolare e accelerare il contributo a fronte di finanziamenti concessi alle imprese con sede in Sicilia danneggiate dall'emergenza epidemiologica da Covid-19. Ci riferiamo specificata *** mente al cosiddetto Fondo Sicilia che occorre rifinanziare il prima possibile e non più con 1'8% a fondo perduto ma almeno coni! 10%, sempre a fondo perduto». Manenti ha anche sollecitato una terza misura che deve essere modulata per le aziende con maggiori esigenze: un finanziamento sino a 350 mila euro da dividersi tra il sistema bancario e 1'1rfis, in cui l'lrfis si deve impegnare a coprire tutti gli interessi maturati anche perla parte da corrispondere al sistema bancario. Il riferimento è alla prevista rimodulazione dei fondi europei e nazionali extra finanziaria (250 milioni di euro), da utilizzare per i ristori alle imprese colpite dalla crisi dovuta alla pandemia. Rimodulazione che, secondo Confcommercio Sicilia, deve essere immediata così come altrettanto immediata deve essere la scelta dei criteri e delle modalità per l'erogazione dei contributi che deve avvenire sempre attraverso l'Irfis. Chiesti ristori, altresì, sia per le utenze che per gli affitti. Risorse in più che devono essere stanziate direttamente ai proprietari degli immobili che dimostrano, attraversa i contratti registrati, il loro credito. In questo modo, i fondi arriveranno direttamente ai proprietari e non incideranno sui ristori previsti, anche se, di fatto, i benefici ricadranno positivamente su tutti. Manenti ha spiegato che proseguirà con lo sciopero della fame sino a quando non si avranno i primi risultati concreti a sostegno delle categorie più duramente colpite. Tra le richieste di Confcommercio Sicilia no al coprifuoco.

Fonte: Gazzetta del Sud

Martedì, 11 Maggio 2021 08:54

RIAPERTURE, IN SETTIMANA ARRIVANO NUOVE DATE

Il ministro Gelmini assicura novità a breve per palestre, piscine e settore del wedding. Venerdì la riunione della cabina di regia dovrebbe decidere su ristoranti al chiuso, caffè al bancone e prolungamento del coprifuoco
Al via la settimana che porterà il Governo a definire il cronoprogramma delle nuove riaperture: dal wedding allo sport, dai ristoranti al chiuso all'allentamento del coprifuoco ai centri commerciali nei weekend. Tra i settori che chiedono a gran voce la ripartenza c'è quello dei matrimoni, che il ministro per gli Affari regionali e le autonomie, Mariastella Gelmini, ha provato a rassicurare: "il Governo ci sta lavorando e sulla base dell'andamento dei contagi presto daremo una data”.

E lo stesso vale per lo sport, dove sono ancora in stand-by piscine al chiuso e palestre: “già in settimana ci saranno cabine di regia con il Cts per dare date a questi settori", ha detto Gelmini. Per il wedding le Regioni puntano a ripartire già dal primo giugno con linee guida che prevedono banchetti all'aperto, ospiti rigorosamente distanziati e mascherina per tutti. Ma una data più probabile è quella del 15 giugno. Il via libera alle piscine al chiuso potrebbe invece avvenire prima, mentre i negozi dei centri commerciali dovrebbero aprire al pubblico nei weekend dal 22 maggio. Per quanto riguarda ristoranti al chiuso, caffè al bancone e prolungamento del coprifuoco (alle 23, è l'ipotesi più probabile al momento) le novità potrebbero scattare già da lunedì 17 maggio, ma nella maggioranza non c’è accordo e il premier Draghi dovrà quindi trovare una sintesi come è accaduto per le riaperture del 26 aprile scorso.

La disfida del caffè al banco
Intanto è tornata la zona gialla in quasi tutta Italia, ma non per i bar. Nel senso che rispetto alla zona gialla “classica” stavolta non è possibile consumare al banco (salvo se il pubblico esercizio abbia tavoli all'aperto), come conferma una circolare emessa il 24 aprile dal Ministero dell'Interno (qui il link in pdf). Immediata la reazione di Fipe-Confcommercio, che dopo aver sottolineato che “introduce una limitazione ulteriore che non esiste nel Dpcm del 2 marzo, al quale l'ultimo decreto fa riferimento", sottolinea che "il divieto di consumazione al banco è privo di fondamento giuridico e sanitario. Se il governo non vuole contraddire se stesso, dovrebbe chiarire una volta per tutte e in maniera inequivocabile che bere un caffè al banco e mangiare un croissant è possibile e, con il giusto distanziamento interpersonale, privo di rischi. Ci aspettiamo che si metta subito mano ad un intervento che ristabilisca la possibilità di consumare al banco". Con la circolare si mette al bando "un consumo pratico, veloce e sicuro particolarmente apprezzato dai consumatori anche per la sua economicità".

Ogni due settimane un "check" sul provvedimento
Facendo un passo indietro, va rilevato che le proteste delle Regioni non hanno sortito effetto, almeno per ora. Per il decreto sulle riaperture c'è stata infatti la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Le Regioni erano tornate a chiedere di portare il coprifuoco alle 23 e di permettere di lavorare ai pubblici esercizi anche nei locali interni, ma respingendole l'Esecutivo ha precisato che sul provvedimento verrà fatto un check ogni due settimane a tutte le misure. Il primo sarà a metà maggio. A confermarlo lo stesso stesso ministro per le Autonomie, Mariastella Gelmini: "il coprifuoco non durerà fino al 31 luglio. È lo stesso decreto a dirlo, precisando che il Consiglio dei ministri potrà intervenire nelle prossime settimane, modificando periodicamente nel dl sia le regole per le riaperture che gli orari del coprifuoco". Sul tavolo delle richieste delle Regioni c'erano anche le riaperture del settore del wedding e delle piscine al chiuso, oltre alla ripresa degli allenamenti individuali nelle palestre già dal 26 aprile. Di rilevante c'è il fatto che è "saltata" la riapertura dei centri commerciali nei fine settimana contrariamente a quanto previsto dalle bozze, che indicavano la possibilità di aprire i centri commerciali, i parchi commerciali e le strutture analoghe nei fine settimana a partire dal 15 maggio.


Il contenuto del decreto
Il Consiglio dei ministri ha varato il nuovo decreto anti coronavirus le cui bozza era stata licenziata venerdì scorso. Nessuna novità di rilievo, a parte l’astensione politicamente pesante della Lega, che contesta la conferma del coprifuoco alle 22, valida fino al 31 luglio. Da lunedì 26, dunque, si è cominciato a riaprire, tra i primi i ristoratori: in zona gialla, fino a tutto il mese di maggio, sarà possibile pranzare o cenare solo nei locali che hanno tavoli all'aperto, mentre dal primo giugno si potrà mangiare anche al chiuso, ma solo a pranzo. Sempre in area gialla riapriranno con specifici protocolli teatri, cinema, spettacoli e musei. Dal 15 maggio sarà consentita l'attività nelle piscine scoperte e dal primo giugno nelle palestre al chiuso, data in cui saranno aperti al pubblico anche manifestazioni ed eventi sportivi di interesse nazionale. Il 15 giugno ripartono le fiere e dal primo luglio sarà la volta di congressi e parchi tematici. Per quanto riguarda gli spostamenti tra le Regioni resta necessaria l'autocertificazione, dove è già prevista, ma da subito si potrà girare più liberamente con in tasca il “certificato verde”, che attesti la vaccinazione, l'esecuzione di un tampone negativo o l'avvenuta guarigione dal Covid. Chi avrà il pass potrà anche accedere a determinati eventi, culturali e sportivi.


Fipe: “si chiudono i pubblici esercizi, ma il Covid circola altrove”

 

Un'operazione condotta dai Nas in un migliaio di imprese mai sottoposte a misure restrittive in tutta Italia ha rivelato che il Covid 19 circola abbondantemente in questi luoghi, frequentati ogni giorno da milioni di persone. "Si è scoperta l'acqua calda. Da mesi, dinanzi ai contagi che crescono, denunciamo l'inefficacia di misure di contrasto della pandemia che hanno un unico leit motiv: la chiusura dei pubblici esercizi”, ha commentato Aldo Cursano, vicepresidente vicario di Fipe Confcommercio, la Federazione italiana dei Pubblici esercizi. "È ora di abbandonare la politica delle chiusure - aggiunge la Federazione - e concentrarsi sui controlli che vanno estesi e rafforzati a tutte le attività perché se si rispettano i protocolli tutti possono lavorare in sicurezza. È inaccettabile che dinanzi alla circolazione del virus si utilizzino le nostre attività come capro espiatorio per dire che si sta facendo tutto il possibile, mentre non è affatto così".

 

Il commento di Federazione Moda Italia
"Abbiamo apprezzato la tempestività con cui il ministro Giorgetti ha dato seguito alla nostra proposta di permettere l'apertura dei punti vendita anche in zona rossa con la possibilità di entrare solo per appuntamento. Anche le numerose attività di moda nei centri commerciali si aspettavano un'inversione di tendenza sulle aperture nei weekend dal 15 maggio. Attendiamo fiduciosi l'accoglimento delle nostre proposte anche a seguito del check a tutte le misure che sarà effettuato ogni due settimane o in sede di conversione del decreto in legge". Così il presidente di Federazione Moda Italia, Renato Borghi.

 

Riapertura scuole, Conftrasporto propone ncc e taxi
“Per supportare un corretto nuovo avvio delle scuole superiori nelle grandi città è necessario usare i soldi pubblici per modalità di trasporto intelligente”. Così Paolo Uggè, presidente di Conftrasporto-Confcommercio, convinto della necessità di una maggiore sicurezza negli spostamenti all’interno delle aree metropolitane. “Invece di mandare nuovamente gli studenti nelle metropolitane e sui tram affollati, è necessario permettere, per quegli studenti che arrivano dalle aree limitrofe delle grandi città, di organizzare il trasporto in piccoli gruppi con taxi e NCC. Usiamo i soldi pubblici – suggerisce Uggè - affinché gli studenti, ma anche i docenti, viaggino con maggior sicurezza anche attraverso la suddivisione delle classi di insegnamento, quindi con differenti orari di ingresso a scuola durante la giornata, come si faceva una volta. Contemporaneamente, aiutiamo le categorie dei tassisti e degli ncc, che soffrono per mancanza di clienti. Lo Stato deve fare la sua parte”.

 

Sangalli: “anticipare le riaperture per le attività all'interno”


"Le aperture per le sole attività all'aperto rischiano di penalizzare almeno la metà delle imprese che non possono usufruire di questa possibilità. Per i pubblici esercizi della montagna, poi, è una doppia penalizzazione considerate le condizioni climatiche”. Lo ha detto il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, nel suo intervento alla giornata "Legalità, ci piace!”. "Chiediamo - ha aggiunto Sangalli - due ulteriori accorgimenti: favorire una sensibilizzazione nei confronti delle amministrazioni locali nel permettere di utilizzare nuovi spazi pubblici, così da maggiore vivibilità delle nostre città e territori; anticipare prima possibile le aperture anche all'interno, con distanziamento e protocolli di sicurezza".

Fipe: “decreto un primo passo, ma serviva più coraggio”

"Avere una data per poter ripartire e poter lavorare la sera sono certamente segnali che vanno nella giusta direzione, ma ci aspettavamo maggiore coraggio". È il primo commento della Federazione Italiana dei Pubblici esercizi, Fipe-Confcommercio, per la quale “si tratta solo di un primo punto di partenza, perché troppe imprese restano tagliate fuori dalla limitazione del servizio ai soli spazi esterni, subendo così una discriminazione. Per queste realtà il lockdown non finirà il 26 aprile. È fondamentale avere già nei prossimi giorni una road map molto precisa che indichi come e quando le riaperture potranno coinvolgere, nel pieno rispetto dei protocolli di sicurezza, anche tutti quei locali che hanno a disposizione solo spazi interni. Parallelamente sarà importante invitare i Comuni a fare tutto quanto in loro potere per favorire la concessione di suolo pubblico agli operatori sfavoriti da questa riapertura parziale". Fipe sottolinea infine che "sarà essenziale che tutti quanti, imprenditori e avventori, dimostrino il massimo senso di responsabilità, rispettando pedissequamente le norme di sicurezza sanitaria stabilite dal Comitato tecnico scientifico. Non possiamo permetterci passi falsi. L'obiettivo comune deve essere quello di tornare a lavorare, e dunque a vivere, a pieno ritmo".

Sono 116mila i locali senza spazio esterno

Fipe fa inoltre notare che riaprire solo le attività che hanno i tavolini all'esterno "significa prolungare il lockdown per oltre 116mila pubblici esercizi". Il 46,6% dei bar e dei ristoranti italiani non ha infatti spazi all'aperto, una percentuale peraltro che nei centri storici, soggetti a regole molto più stringenti, aumenta considerevolmente. "Se questo è il momento del coraggio dice Fipe - che lo sia davvero. I sindaci mettano a disposizione spazi extra per le attività economiche che devono poter apparecchiare in strada ed evitare così di subire, oltre al danno del lockdown, la beffa di vedere i clienti seduti nei locali vicini". Per la federazione la data del 26 aprile da sola "non basta. Dobbiamo dare una prospettiva a tutti gli imprenditori. Bisogna lavorare da subito a un protocollo di sicurezza sanitaria stringente, che consenta la riapertura anche dei locali al chiuso e bisogna darci un cronoprogramma preciso, a partire dal 26 aprile. Non c'è più tempo da perdere. Nelle prossime ore chiederemo all'Associazione nazionale dei Comuni italiani di collaborare con noi per spingere i sindaci a concedere il maggior numero di spazi esterni extra, in via del tutto eccezionale e provvisoria, agli esercizi che in questo momento ne sono sprovvisti. Sarebbe un bel segnale di unità e di voglia di uscire dal pantano tutti insieme".

 

Sib: “'stabilimenti pronti ad accogliere i turisti stranieri dal 15 maggio”

Gli stabilimenti balneari "sono pronti ad accogliere i turisti anche stranieri, in particolare i tedeschi, che con la Pentecoste dal 13 maggio hanno un periodo di vacanze di 15 giorni. La nostra richiesta è stata accolta, siamo soddisfatti: l'apertura a giugno ci avrebbe penalizzato rispetto ad altri mercati concorrenti come la Grecia e la Spagna. L'importante è che l'Italia c'è, è pronta". Così Antonio Capacchione, presidente del Sib Fipe- Confcommercio, soddisfatto per l'accoglimento della richiesta fatta nei giorni scorsi al ministro del Turismo, Massimo Garavaglia. I balneari hanno iniziato già da qualche settimana a fare lavori di manutenzione sulle spiagge perché "non è che alziamo una saracinesca e apriamo - spiega Capacchione - alle volte c'è bisogno di un mese, di due mesi, dipende dalle dimensioni degli stabilimenti e quindi confido che dal 15 maggio si possa iniziare davvero a lavorare".

 

Federalberghi: “le terme sono già aperte e potranno offrire maggiori servizi”
Bene gli indirizzi formulati dalle Regioni, che “confermano gli alti standard di sicurezza garantiti dalle aziende termali”, ma non è chiaro “a quali ipotesi di termalismo si faccia riferimento quando si parla di riaperture al primo luglio. Ci auguriamo solo che eventuali profili di limitazioni alle attività termali presenti ad oggi nei testi normativi vengano aboliti al più presto”. Lo sottolinea Emanuele Boaretto, presidente di Federalberghi Terme, per il quale comunque "un ulteriore segnale positivo verrà dalle decisioni che il Governo si appresterebbe ad assumere e che consentirebbero di riprendere a breve i flussi turistici e sanitari idonei a far ripartire il settore dopo un anno di grosse difficoltà”. In ogni caso, conclude la Federazione, è bene ricordare che “gli stabilimenti termali italiani sono aperti già oggi per le prestazioni incluse nei livelli essenziali di assistenza (fangobalneoterapia e inalazioni, ad esempio) e per attività riabilitative e terapeutiche".

 

Anche il gioco legale vuole ripartire, “noi dimenticati dal decreto”


Le quattro organizzazioni degli esercenti del gioco legale, tra cui Acadi-Associazione Concessionari dei Giochi Pubblici aderente a Confcommercio, esprimono "sconcerto e infinita preoccupazione per l'assenza di indicazioni sulle riaperture del gioco legale nella bozza del decreto Covid". "Il Governo, anche alla luce della drammatica situazione economica del Paese, ha deciso di riaprire nelle prossime settimane praticamente tutte le attività economiche, compresi cinema, teatri, palestre - affermano le organizzazioni – ma ancora una volta non troviamo alcun cenno sulla riapertura delle sale da gioco, chiuse da 300 giorni". La situazione economica delle aziende del settore, che non hanno goduto al momento di alcun ristoro, è drammatica: 12mila punti vendita chiusi, indotto completamente fermo, oltre 60mila lavoratori a rischio. "Siamo stupefatti che il settore del gioco rimanga praticamente l'unico escluso dalle previsioni di riapertura - concludono le associazioni di settore - nonostante l'impegno ad una riapertura in sicurezza e sostenibile. Confidiamo che nel testo definitivo il Governo possa indicare una data certa di riapertura, coerentemente con quanto è accaduto per tutti gli altri settori economici".

Una prima risposta all’appello è arrivata dal sottosegretario al Ministero dell'Economia, Claudio Durigon, che intervenendo a un webinar organizzato da Acadi-Confcommercio ha affermato: ''stiamo ragionando sulla possibilità di far rientrare nel prossimo dpcm una data conclamata di riapertura'' per il settore del gioco pubblico”, cercando di "qualificarla nel contesto dei ristoranti al chiuso''. ''Spero che nei prossimi giorni avremo delle notizie importanti''.

 

Confermato il Salone del Mobile, Sangalli: “evitato un autogol”
"La conferma del Salone del Mobile evita un autogol economico e dimostra ancora una volta che quando Milano fa sistema è sempre vincente. Ma soprattutto delinea con chiarezza il tempo della ripartenza per la nostra città e il Paese. È evidente che la rinuncia a una manifestazione così importante sarebbe stata letta a livello internazionale come l'incapacità del sistema italiano di garantire livelli minimi di sicurezza con ripercussioni evidenti per la ripresa del turismo". Per Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio Milano, è stato "evitato il passo falso” e ora “proponiamo di far convergere sulla sessantesima edizione l'avvio simbolico del Pnrr e dunque della ripresa economica e sociale della città e del Paese. Trasformando, anche a livello di comunicazione internazionale, una rinuncia penalizzante in una opportunità di nuova crescita".

 

Confcommercio Sicilia lancia “A fuoco il coprifuoco”

Il nome è volutamente provocatorio, “A fuoco il coprifuoco”, ma l’iniziativa che Confcommercio Sicilia si accinge ad attuare di concerto con Fipe vuole in realtà gridare “basta” rispetto alla scelta di far chiudere i pubblici esercizi alle 22 in piena estate, favorendo comportamenti disordinati e opposti. “La nostra non è disobbedienza civile – sottolinea il presidente di Confcommercio Sicilia, Gianluca Manenti – ma vogliamo alzare la voce rispetto a un provvedimento inaccettabile, ancora di più in una terra come la nostra dove, in estate, con le elevate temperature, il periodo serale è quello scelto per cercare un poco di refrigerio, per ritemprarsi dalle fatiche giornaliere, per godere della brezza marina. E tutto ciò, naturalmente, va ad incrociarsi con le legittime aspettative degli operatori del settore che sfruttano questo periodo per accrescere i loro affari, un’attesa ancora più pressante dopo mesi e mesi di fermo. Avvieremo, a livello siciliano, una raccolta firme su Change.org che attiveremo tra i nostri associati e metteremo a disposizione della nostra confederazione a livello nazionale per esprimere tutto il dissenso verso questa decisione che continua a penalizzarci in maniera forte”.

 

Confcommercio Milano: con nuove per coprifuoco e locali al chiuso crescita dei ricavi tra 18 e 184 milioni

Spostare il coprifuoco alle 23 consentirebbe una crescita dei ricavi pari a 18,6 milioni di euro, spingersi alle 24 permetterebbe invece un recupero di 33,6 milioni di euro". La stima è dell'Ufficio Studi di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza, focalizzata sulle attività di somministrazione: bar e ristoranti. Ben altro impatto, dal punto di vista economico, avrebbe invece, la riapertura dei locali anche al chiuso con lo slittamento del coprifuoco alle 23: +109 milioni di euro (con il coprifuoco alle 24 l'incremento raggiungerebbe i 184 milioni di euro). "A Milano, Monza Brianza e Lodi operano 21mila pubblici esercizi con un volume d'affari complessivo mensile, con l'attuale zona gialla ‘rafforzata’, di 380 milioni di euro: dimezzato rispetto a una situazione senza Covid", conclude la Confederazione.

 

Dal 15 maggio in Italia le persone provenienti dai Paesi europei, Gran Bretagna e Israele non dovranno più rispettare i quattordici giorni di isolamento. Per gli americani se ne parla a metà giugno, Confturismo: un “passo indietro”.

Manca meno di una settimana per una prima, concreta ripartenza del turismo italiano: da sabato 15 maggio, infatti, sparirà la mini quarantena per le persone provenienti dai Paesi europei, Gran Bretagna e Israele. Come annunciato giù il 4 maggio scorso dal presidente del Consiglio, Mario Draghi, per entrare nel nostro Paese i turisti dovranno dunque semplicemente rispettare le stesse regole in vigore per gli spostamenti verso le regioni non gialle. Basterà quindi presentare un tampone negativo, dimostrare di essere vaccinati o di essere guariti dal Covid negli ultimi sei mesi per evitare la quarantena di 14 giorni, vero e proprio freno per la rinascita del comparto alle porte dell'estate. La nuova strategia è stata definita nel corso di un tavolo operativo organizzato dal ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, e da quello della Salute, Roberto Speranza. L'obiettivo del governo è quello di riaprire a tutti i Paesi stranieri che abbiano raggiunto un alto livello di vaccinazione. Per gli Usa, in particolare, si punta a metà giugno e nel frattempo si potenzieranno i voli “covid free”.

"Abbiamo chiesto con molta enfasi che Commissione ed Europarlamento procedano con la massima rapidità al certificato verde, per avere un modello europeo su cui confrontarsi per la misure turistiche", ha spiegato dl vertice europeo di Porto il premier Mario Draghi, ben consapevole che il turismo sarà decisivo per il rimbalzo del Pil italiano nel secondo semestre 2021.Lo stesso ex presidente della Bce ha lanciato un forte appello all’adozione di un modello comunitario unico, "perché se ogni Paese ha il suo certificato, attua misure diverse per quanto riguarda il turismo ci sarà una gran confusione". La replica da Bruxelles è arrivata direttamente dalla presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen: "il lavoro legale e tecnico per il 'certificato verde' è sulla buona strada affinché il sistema sia operativo a giugno".

Garavaglia: “ripartenza più forte per i più veloci”

"Il Pil non lo fa il governo, alla fine lo fa il mercato. Il governo può e deve mettere gli operatori del turismo nelle condizioni di fare bene e di lavorare al meglio, con le date certe e i protocolli chiari. Per questo anticiperemo alla metà di maggio il lasciapassare europeo, i cui tempi non saranno brevissimi". Così il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, al convegno inaugurale di Bit Digital. "Sappiamo - ha aggiunto Garavaglia - che le regole sono queste, ma da noi valgono da metà maggio e questo vuol dire togliere la quarantena con i Paesi europei e non solo, anche da Israele e Gran Bretagna e io mi auguro che questa lista in tempi rapidi si allunghi sempre di più perché chi è più veloce ha la ripartenza più forte".

 

Per Confturismo sulla quarantena un “passo indietro”
Il presidente di Confturismo-Confcommercio, Luca Patanè, ha commentato le decisioni del tavolo operativo definendo "incomprensibile il motivo per cui non si tolga la quarantena agli americani, che si sono vaccinati per primi. Io penso che ci vorrebbe un po' più di regia, non fare proclami ma studiare bene le dichiarazioni perché innestano delle reazioni economiche nelle aziende che sono molto gravi. I passi indietro non sono belli, non si può promettere se non si può mantenere e si deve tornare indietro". "Gli americani - ha spiegato - sono un mercato molto importante, non farli venire adesso se sono vaccinati o immunizzati vuol dire non riprenderli più. Non parlo solo del turismo, ma anche di tutto il mondo business, dei congressi, delle aziende che devono andare avanti e indietro e invece e tutto fermo. Dobbiamo ripartire, stiamo affondando". Patanè è tornato poi a chiedere le vaccinazioni per gli operatori del settore e non solo: "è' molto importante, si fanno arrivare le persone più serene in vacanza anche dai Paesi stranieri. Le nostre aziende sono tutte disponibili, sarebbe questo il momento per vaccinare tutti, dalle strutture ricettive agli aerei, da chi lavora nei ristoranti fino al personale dei supermercati. Abbiamo vaccinato professori che insegnano da casa".

Dal 19 maggio è online ON - Oltre Nuove imprese a tasso zero, l'incentivo promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico che sostiene le micro e piccole imprese composte in prevalenza o totalmente da giovani tra i 18 e i 35 anni oppure da donne di tutte le età. Questo nuovo strumento si aggiunge ad altri bandi disponibili ,come Resto al Sud o progetti per l’autoimprenditorialità, gestiti da INVITALIA.

Chiama CONFCOMMERCIO CALTANISSETTA ENNA e prendi un appuntamento con i nostri funzionari per un analisi di fattibilità del bando.

Info al 0935 500971

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il presidente di Confcommercio sul Corriere della Sera: “la quota di valore aggiunto del comparto è scesa del 9,6%”. Sulle riforme “riparta il dialogo sociale”, sul Pnrr “vietato sbagliare”.
Riaprire il dialogo con le parti sociali. Rafforzare il Piano di ripresa e resilienza (Pnrr) nella parte relativa al terziario. Affrontare insieme il corposo capitolo delle riforme. Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, chiede al governo «un salto di qualità» rispetto al rapporto tenuto finora con la sua associazione.

Presidente, finalmente il Pnrr è consultabile nella sua interezza. Che ne pensa?

«Nel discorso di presentazione tenuto alla Camera, il presidente Mario Draghi ha ricordato che il Piano non è "solo questione di investimenti, ma che esso riguarda complessivamente il destino ed i valori civili del Paese". Lo ha ricordato anche con una bella citazione di De Gasperi sul rapporto necessario tra rinnovamento e perseguimento del bene comune. E questa la portata della sfida che ci attende: una straordinaria opportunità per la ricostruzione del Paese dopo l'impatto drammatico (drammatico da ogni punto di vista) della pandemia. Vale il "vietato sbagliare" perché "forse non vi sarà più il tempo per porvi rimedio"».

Intravede errori nell'impostazione del Pnrr?

«È stato sempre Draghi a osservare nel discorso di replica che il punto cruciale della governance del Piano è il rapporto tra governo ed enti locali. Aggiungo, per parte mia, che altrettanto cruciale è il rapporto con le parti sociali. Con chi rappresenta il mondo delle imprese e del lavoro. Perché occorre condivisione di obiettivi e mobilitazione».

Il dialogo non la soddisfa?

«Occorre un salto di qualità rispetto all'episodicità del confronto che si è sviluppato lungo il percorso di messa a punto del Piano e mi auguro che anche il coinvolgimento del Parlamento sia più impegnativo».

In che senso?

«II ministro dell'Economia, Daniele Franco, all'inizio del mese di aprile, aveva dato importanza al lavoro svolto dal Parlamento sul Pnrr: ci sembrava un punto importante. Anche perché le risoluzioni della Camera e del Senato avevano largamente segnalato l'esigenza di rafforzare l'attenzione, in termini di politiche, di progetti e certo anche di risorse, dedicata dal Piano alla ripresa del terziario di mercato per rafforzare quella complessiva del sistema Paese. Ecco, su questo, l'impostazione della versione definitiva del Piano resta carente».

Dove precisamente?

«Sul versante del turismo registriamo qualche miglioramento in termini di inserimento del settore nei processi di trasformazione digitale e di miglioramento dell'efficienza energetica del Paese, ma resta fermo che le risorse specificamente dedicate al turismo sono inferiori ai due miliardi di euro».

Sulle connessioni territoriali il Piano è molto articolato.

«II Piano riconosce le criticità strutturali del Paese sul fronte dell'accessibilità territoriale e delle connessioni trasportistiche e logistiche. E stanzia oltre 40 miliardi di euro per le infrastrutture e la mobilità sostenibile. Va bene, ad esempio, l'alta velocità ferroviaria, ma la sostenibilità del trasporto non si esaurisce né nel solo trasporto ferroviario, né nel solo trasporto pubblico. Perché, ad esempio, non sostenere il rinnovamento del parco circolante dei veicoli e delle flotte con finalità di miglioramento delle performance ambientali?».

E per le trasformazioni in atto nel mondo del commercio cosa chiedete?

«Sarebbe corretto accompagnare queste trasformazioni del modello italiano che vanno nel senso di un pluralismo distributivo. Pensiamo a un commercio italiano, complessivamente chiamato a confrontarsi con le prove della multicanalità e della sostenibilità, che va accompagnato da un ripensamento degli spazi urbani, chiamando in causa un modello di rigenerazione urbana profondamente collegato a politiche e strumenti di rivitalizzazione del tessuto economico-sociale territoriale e di contrasto dei processi di desertificazione commerciale».

Per trasformare tutti gli stanziamenti In nuovi servizi e infrastrutture e andrà vinta la sfida delle riforme. Previste in gran numero.

«Ne condividiamo l'obiettivo, che è quello di portare il tasso di crescita del nostro prodotto potenziale dall'attuale 0,6% ad un più soddisfacente 1,4%. Quanto al cronoprogramma, e una vera sfida. Si tratta di affrontarla tenendo conto di valutazioni politiche di partenza in tanti casi diverse, profondamente diverse. Anche da questo punto di vista, un confronto con le parti sociali strutturato e con caratteristiche di continuità potrebbe giovare alla costruzione di uno spirito repubblicano. Ricordiamoci, comunque, che va mantenuta estrema attenzione alle risposte urgenti ad un'emergenza ancora drammaticamente aperta».

Ieri avete presentato altri dati inquietanti relativi al terziario di mercato.

«Per la prima volta, dopo venticinque anni di crescita ininterrotta, la quota di valore aggiunto del comparto cala (-9,6% sul 2019) con una perdita in termini di occupazione di 1,5 milioni di unità su una flessione complessiva di 2,5 milioni. Sono numeri che non si possono ignorare».

 

di Antonella Baccaro

Dal Corriere della Sera del 5 maggio 2021

Annuncio del premier Mario Draghi in occasione del G20 Turismo a Roma. Confturismo: “ottimo segnale per la ripartenza”.

In attesa del “green pass” europeo, pronto dalla seconda metà di giugno, dalla seconda quindicina di maggio sarà disponibile il “pass verde” preparato dal governo italiano. Lo ha annunciato il premier, Mario Draghi, nella conferenza stampa che ha concluso la riunione del G20 Turismo svoltasi a Roma il 4 maggio scorso.

“Noi dobbiamo offrire regole chiare e semplici per garantire che i turisti possano venire da noi in sicurezza”, ha spiegato il presidente del Consiglio, aggiungendo che "grazie al pass i turisti saranno in grado di spostarsi da un Paese all'altro senza quarantena, a patto che possano dimostrare di essere guariti dal Covid, vaccinati o negativi a un tampone”.

L’intervento di Draghi segue quello della presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, che su Twitter aveva sottolineato che "è tempo di rilanciare l'industria del turismo e di riavviare le amicizie frontaliere in sicurezza. Proponiamo di accogliere nuovamente i visitatori vaccinati e quelli provenienti da Paesi con una buona situazione sanitaria. Ma se emergono varianti dobbiamo agire in fretta: proponiamo un meccanismo di freno d'emergenza Ue".

Da parte sua il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, ha "aperto" alla vaccinazione per gli operatori del settore: "fortunatamente i ritmi di vaccinazione hanno raggiunto quelli che erano gli obiettivi, il piano ha avuto quella accelerazione auspicata. Una volta vaccinati i fragili, quindi, si potranno fare delle valutazioni sulle singole categorie più esposte e più necessarie per tutelare anche le imprese del turismo".

 

Confturismo: “ottimo segnale per la ripartenza”
“L’accelerazione sul green pass, che sembra preludere anche all’allentamento delle misure di quarantena per i viaggiatori europei, e l’intenzione di considerare le esigenze del turismo nelle prossime tappe del processo di vaccinazione sono ottimi segnali di apertura per il nostro settore in lockdown da oltre un anno. Ci attendiamo ora che i provvedimenti siano snelli e rapidi: che si rendano agevoli i viaggi degli italiani anche all’estero oltre a facilitare l’arrivo dei turisti stranieri. Auspichiamo anche che venga convocata una riunione con i rappresentanti delle Associazioni di categoria del turismo italiane a partire da Confturismo-Confcommercio, affinché sia chiaro alle aziende turistiche quale saranno le tappe del programma che si intende concretamente adottare”: questo il commento di Luca Patanè, presidente di Confturismo-Confcommercio.

 

Federalberghi: “bellissimo messaggio ai turisti del mondo”
"È stato un bellissimo messaggio quello che l'Italia aspetta turisti da tutto il mondo ed è ancora più importante da un presidente del Consiglio come Draghi che gode di una grande reputation all'estero. È ancora più bello perché è l'ennesima volta che il presidente parla di turismo e questa vuol dire un'attenzione importante e continua per il nostro settore". Così il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, per il quale "il green pass che consente già dalla seconda metà di maggio di venire nel nostro Paese è una cosa assolutamente positiva, che ci dà grandi speranze e ci mette alla pari con i nostri agguerriti competitor greci e spagnoli. Ad oggi il quadro delle prenotazioni, specialmente straniero, è molto sgonfio e ci auguriamo che questo messaggio possa darci una mano".

 

Fipe: “segnale importante, ora pensare a bar e ristoranti”

"Un segnale molto importante che va certamente nella giusta direzione. La mancanza di flussi turistici ha pesato moltissimo sulla crisi dei pubblici esercizi, anche nei pochi periodi in cui ci hanno concesso di lavorare. Ora, però, è necessario fare un ulteriore passo avanti e consentire a tutte le imprese del settore, non solo alla metà che ha a disposizione spazi esterni, di poter tornare a lavorare, già a partire dal 15 maggio, data in cui a quanto pare si potrà riprendere a viaggiare all'interno dei nostri confini. Una decisione in questo senso sarebbe certamente una boccata d'ossigeno per un comparto martoriato da 14 mesi di restrizioni. Ci auguriamo che possa arrivare quanto prima". Così Aldo Cursano, vicepresidente di Fipe-Confcommercio.

 

Nel provvedimento da 40 miliardi previsti altri ristori per 14 miliardi. Sospeso fino al 31 maggio il pagamento delle cartelle e degli atti del fisco, la plastic tax entrerà in vigore il primo gennaio 202
Prende forma il decreto Sostegni bis: il provvedimento, finanziato con i 40 miliardi di extra deficit approvato dal Parlamento, è atteso in settimana sul tavolo del Consiglio dei ministri. Nella bozza la voce più consistente restano gli indennizzi alle imprese con perdite oltre il 30% nel corso della pandemia: per loro sono pronti altri 14 miliardi che saranno distribuiti dall'Agenzia delle Entrate e calcolati sempre in base al fatturato, nonostante nelle scorse settimane si fosse ipotizzato di guardare ai dati dei bilanci. Ancora molti gli interventi da mettere a punto, come dimostrano gli 11 articoli su 48 ancora sprovvisti di norma. Nel decreto entrerà l'ulteriore proroga al 31 maggio della sospensione del pagamento delle cartelle e degli atti del fisco. Potrebbe essere l'ultima, visto che il governo valuta una ripresa selettiva della riscossione da giugno. Vediamo nel dettaglio il contenuto del decreto.

RISTORI IN BASE A CALO FATTURATO, DUE CANALI Una dote di 14,1 miliardi per i ristori con un doppio binario: gli aiuti saranno riconosciuti sempre in base al calo del fatturato ma si potrà scegliere il periodo di riferimento. Si prevede un contributo a fondo a perduto erogato in automatico dall'Agenzia delle Entrate replicando i requisiti, i criteri di calcolo e le modalità già previste dal primo decreto Sostegni. Ma, in alternativa, si potrà optare per il calcolo basato sul periodo 1 aprile 2020-31 marzo 2021 in confronto allo stesso periodo 2019-2020.
SMART WORKING PRIVATI FINO A SETTEMBRE In arrivo la proroga al 30 settembre 2021 dello smart working, anche in assenza degli accordi individuali, nel settore privato.
SGRAVI AFFITTI FINO A MAGGIO Estesi per i mesi da gennaio 2021 a maggio 2021 gli sgravi sugli affitti per le imprese e i professionisti con ricavi o compensi non superiori a 10 milioni di euro, che abbiano registrato perdite di fatturato di almeno il 30% rispetto all'ammontare medio mensile del 2019. I beneficiari dei contributi a fondo perduto del primo decreto Sostegni potranno continuare a beneficiare un credito d'imposta al 60% dell'ammontare mensile del canone di locazione di immobili a uso non abitativo e al 30% dell'ammontare mensile dei canoni per l'affitto d'azienda. Prorogati fino al 31 maggio anche gli sgravi per gli affitti (al 60% del canone mensile per gli immobili a uso non abitativo e al 50% per i canoni d'affitto delle locazioni d'azienda) per strutture alberghiere, agrituristiche, agenzie di viaggio, tour operator e stabilimenti termali, indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d'imposta precedente. In totale sono previsti 2,25 miliardi
REM PER ALTRI DUE MESI Il reddito di emergenza sarà riconosciuto anche per i mesi di giugno e luglio. Il decreto allunga la durata (marzo, aprile e maggio) del Rem previsto nel primo decreto Sostegni. La domanda deve essere presentata all'Inps entro il 30 giugno 2021.
PLASTIC TAX SLITTA ANCORA Rinviata di altri sei mesi la plastic tax che entrerà in vigore il primo gennaio 2022 e non più il primo luglio di quest'anno.
STOP CANONE RAI Per tutto il 2021 stop al pagamento del canone Rai per le strutture ricettive, bar e ristoranti. La misura potrebbe rientrare però nelle modifiche al decreto Sostegni all'esame del Senato.
NO PRIMA RATA IMU E TASSA TAVOLINI Stop al versamento della prima rata Imu per le imprese in difficoltà beneficiarie dei contributi a fondo perduto e niente 'tassa sui tavolini' fino alla fine del 2021 per bar e ristoranti e per gli ambulanti.
SCONTO TARI E BUONI SPESA Istituito un fondo di 600 milioni per consentire ai Comuni di ridurre la Tari dovuta per il 2021. Le risorse verranno ripartite tra gli enti interessati con decreto del ministro dell'Interno di concerto con il ministro dell'Economia e delle Finanze. Si prevede inoltre la possibilità per i comuni di estendere le agevolazioni con oneri a carico del proprio bilancio, o utilizzando le risorse assegnate nell'anno 2020 e non utilizzate. In arrivo anche altri 500 milioni, da ripartire, per permettere ai sindaci di finanziare i buoni per la spesa alimentare e il sostegno al pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche
PRODUZIONE VACCINI, ECCO 16,5 MILIONI Una dote di 16,5 milioni per la produzione nazionale pubblica dei vaccini anti-Covid. Viene istituito un apposito fondo al Ministero della difesa per la realizzazione di un reparto di infialamento dei farmaci, da costituirsi all'interno dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze per le esigenze della Sanità Militare e della Sanità Pubblica. In totale sono stanziati 63,2 milioni per lo sviluppo della sanità militare e della capacità produttiva nel settore vaccinale e antidotico.
NIENTE TASSE CASA E MUTUO GARANTITO PER UNDER 36 Fino al 31 dicembre 2022 la garanzia del Fondo sulla prima casa è concessa con priorità agli under 36. Inoltre, il decreto prevede fino a fine 2022, per chi ha meno di 36 anni e intende acquistare la prima casa, l'esenzione delle imposte di registro e delle imposte ipotecaria e catastale. Gli onorari notarili sono ridotti alla metà ed è previsto inoltre un credito d'imposta di ammontare pari all'Iva corrisposta in relazione all'acquisto.
PROROGA MORATORIE PMI E GARANZIA SACE Estese fino alla fine dell'anno le misure di liquidità per le imprese. Arriva la proroga al 31 dicembre 2021 delle moratorie per le Pmi, attualmente in vigore fino al 30 giugno. L'Estensione vale per tutto il perimetro dei prestiti per i finanziamenti erogati prima di marzo 2020 e solo per la quota capitale delle rate per i prestiti che scadono tra luglio e dicembre 2021. Prorogati, da giugno a dicembre, con alcune rimodulazioni, i regimi del Fondo di garanzia per le pmi e di Garanzia Italia rilasciata da Sace. Per i finanziamenti fino a 30mila euro garantiti dal Fondo di garanzia per le pmi, dal primo luglio 2021, scende dal 100 al 90% l'entità massima di garanzia rilasciabile. Inoltre, sempre da luglio, si prevede sia per le nuove che per le operazioni in essere, la proroga delle garanzie e dei finanziamenti garantiti, a fronte di una rimodulazione della copertura della garanzia e del pagamento di un premio.
INCENTIVI FUSIONI BANCHE FINO A GIUGNO 2022 Estensione degli incentivi alle aggregazioni societarie introdotte dalla legge di bilancio per il 2021. Vengono ampliati di sei mesi i termini previsti per la fruizione della trasformazione delle imposte differite attive, le cosiddette Dta, in credito d'imposta. In particolare, vengono incluse tra le aggregazioni agevolabili quelle deliberate fino al 30 giugno 2022 e non più fino al 31 dicembre 2021.Viene inoltre innalzato il limite delle attività per imposte anticipate trasformabili in credito d'imposta dal 2 al 3% della somma delle attività dei soggetti partecipanti alla fusione o alla scissione, senza considerare il soggetto che presenta le attività di importo maggiore, e, in caso di conferimento d'azienda, dal 2 al 3% della somma delle attività oggetto di conferimento.
NO TASSE CAPITAL GAIN PER CHI INVESTE IN STARTUP INNOVATIVE Niente imposta sostitutiva al 26% sui capital gain fino a dicembre 2025 per chi investe nelle start up innovative per almeno 3 anni a condizione che le plusvalenze siano reinvestite in start up innovative o in Pmi innovative, mediante la sottoscrizione di capitale sociale.
DUE MILIARDI PER DEBITI PA Due miliardi in più per l'erogazione delle anticipazioni di liquidità a favore degli enti territoriali per smaltire lo stock di debiti maturati sino al 31 dicembre 2020 nei confronti dei propri fornitori di beni e servizi.
NO TICKET PER PRESTAZIONI POST COVID Prestazioni di specialistica ambulatoriale esenti dal ticket per i due anni di monitoraggio post Covid previsto da un protocollo sperimentale nazionale.
FONDO PER TAMPONI SPORT Un fondo con una dotazione di 61 milioni di euro per rimborsare le società sportive professionistiche e dilettantistiche, iscritte al Coni, per le spese sostenute per effettuare i tamponi necessari per garantire la prosecuzione delle gare. I 20 club di calcio della serie A hanno speso 10 milioni di euro, altrettante società della serie B 6 milioni e 60 della serie C oltre 10 milioni. Mentre 16 società di basket della seria A hanno sostenuto costi per 1,7 milioni. La spesa sostenuta dalle società e associazioni dilettantistiche è di 32,5 milioni.

Venerdì, 30 Aprile 2021 09:55

Fipe Confcommercio

Pagina 1 di 18